21Ottobre2018

FORUM SOCIOSANITARIO: Napoli 25 maggio: LA VITA E' UN DONO

FORUM SOCIOSANITARIO

LA VITA È UN DONO : Va promossa, tutelata e difesa, sempre

VENERDÌ 25 MAGGIO — 16,00/18,30

 

SALA VALERIANO – CHIESA DEL GESÙ NUOVO

Piazza del Gesù Nuovo, 2 - NAPOLI

IL RICORDO DI SAVINO GHIRO

CONEGLIANO VENETO -  L’AMCI piange la scomparsa d Savino Ghiro, e posso dire che anche tutti noi siamo profondamente addolorati da questa triste notizia.

Ed infatti Ghiro ha rappresentato per tutti noi, per moltissimi anni, un’instancabile figura storica e di riferimento per la nostra Associazione: Presidente di Sezione, Presidente Regionale e Consigliere Nazionale; era sempre presente ai nostri incontri nazionali e, nonostante i suoi 95 anni, seguiva ancora, anche di recente, con molta attenzione e passione la vita dell’AMCI.

Ricordo le sue telefonate, anche in questi ultimi mesi, per aggiornarmi sulle attività e i problemi della sua regione, per confermarmi la sua inesauribile dedizione per l’AMCI, ma anche il grande affetto per tutti noi.

Non aveva potuto partecipare all’ultimo Congresso di Ascoli, ma non mancò di chiamarmi per qualche consiglio per chiedermi di salutare tutti i nostri dirigenti, i suoi amici.

Ma ricordo soprattutto la sua grandissima gioia e soddisfazione, alcuni mesi fa, per il conferimento della nomina a Socio Onorario e il 7 dicembre scorso era venuto a Roma, per ricevere l’attestato dalle mani del Presidente Boscia ma anche per riabbracciare tuti noi. Anche perchè in una sua telefonata mi aveva confidato che, essendo molto anziano, ci teneva moltissimo a salutare e abbracciare tutti noi. E per poterci incontrare ed abbracciare aveva affrontato il lungo viaggio con la sua cara ed inseparabile moglie.   E aveva più volte espresso la sua gratitudine a me e Filippo Boscia per questo riconoscimento. Gli risposi che era l’AMCI a dover essere riconoscente a lui, per tutto quello che aveva fatto per l’Associazione, per il suo generoso impegno che ha sempre offerto, con stile e discrezione, senza mai risparmiarsi. Per tutti noi è stato e sarà sempre un esempio ed un punto di riferimento importantissimo.

Lascia tre figli: Giovanni, avvocato, Paola, ingegnere, e Stefano, chirurgo e l’amatissima moglie Carla, che lo accompagnava sempre ed ho sentito proprio in questi giorni; e che mi ha confermato che fino all’ultimo momento ha voluto bene all’AMCI, che aveva un posto speciale nel suo cuore, e a tutti noi che ricordiamo con commozione, affetto e con l’orgoglio per averlo conosciuto ed averlo avuto come amico.

Savino Ghiro è deceduto nel “suo” ospedale di Conegliano, “Suo” perché vi ha svolto l’intera vita professionale, qualificandosi in particolare come primario del Pronto Soccorso, ed anzi, è stato un vero pioniere del moderno soccorso.

Ghiro era stato, inoltre, anche uno dei primi medici sportivi, all’epoca in cui il professor Vecchiet si prendeva cura delle nazionali di calcio. Ma i suoi meriti sono anche altri, come ha testimoniato il Premio Civilitas conferitogli dal Comune di Conegliano nel 2009, e tanti altri riconoscimenti, tra cui, nel 2017, quello del Centro di Medicina Sportiva Conegliano, dove per tanti anni Ghiro aveva fatto il direttore sanitario gratuitamente, per puro volontariato.

Savino Ghiro era stato poi determinante anche per la causa di Beatificazione Giuseppe Toniolo, avendo dimostrato in sede diocesana, in modo inequivocabile, che la guarigione di F. B., dal coma in cui era caduto, a seguito di un grave incidente era da ritenersi inspiegabile.

 

Grazie ancora carissimo amico.  Il tuo appassionato e contagioso impegno per l’AMCI, nonostante l’inesorabile scorrere del tempo, ha sempre alimentato ed arricchito  l'attività dell'AMCI del Triveneto e Nazionale.

La tua vita, il tuo esempio e la tua fede saranno sempre un importante modello di riferimento per tutti noi medici cattolici, certi  che il Signore e la Beata Vergine Maria, unitamente a tutti i medici santi, ti accoglieranno nella Casa del Padre.

 

Franco Balzaretti

 

Concorso fotografico AMCI “ fotografa il tuo presepe”

AMCI PALERMO - CONCORSO NAZIONALE : 

“FOTOGRAFA IL TUO PRESEPE”

 In data 3 febbraio, con lieve ritardo rispetto al programmato, si è riunita la commissione esaminatrice del concorso fotografico “fotografa il tuo presepe”  che ha raccolto  le foto inviate  dai   soci AMCI d’Italia che con devozione, creatività e tanta passione, hanno allestito nelle proprie case il presepe e hanno voluto partecipare al concorso.

 La commissione ha esaminato tutte le foto pervenute  con attenzione ed è rimasta piacevolmente stupita dall’interesse e dalla partecipazione di tanti  aderenti al concorso  per il miglior presepe AMCI dell’anno 2017.

Ciò testimonia l’amore di tutti noi per quello che rappresenta la natività, segno tangibile di come il Signore è entrato umilmente nella storia dell’uomo e ciò viene evidenziato con la presenza del presepe nelle nostre case.

Nel rispetto del regolamento stabilito che prevedeva 3 categorie di vincitori: il presepe più bello, il più artigianale  e il più originale la commissione ha  voluto, in itinere, diversificare le suddette categorie in:

il presepe più bello: quello che attrae di più ed  è gradevole per armonia o perfezione.

il più tradizionale:  quello che risponde ai  canoni della nostra tradizione italiana,  pur considerando le differenze regionali.

il più originale: quello che  è singolare e che suscita curiosità e significato.

il più naturalistico, basato sull'esemplarità del mondo naturale.

il più suggestivo: quello capace di suscitare uno stato di commossa partecipazione.

quello multietnico: la  nascita di Gesù in ogni luogo  e in ogni cultura.

La partecipazione prevista  era ristretta a 2 massimo 3 foto  pertanto ne sono state escluse alcune, pur  belle e significative, inviate da alcune sezioni  in numero maggiore.

Un particolare plauso va alla collezione privata, unica nel suo genere, del prof. Francesco Piccione, socio AMCI  da quanto si è costituita la sezione,fratello del presidente regionale Nicolò Piccione, per le sue 87 foto di presepe inviate, di particolare pregio, ma che evidentemente non potevano essere messe tutte a concorso .

Di queste abbiamo pensato di inviare quelle inerenti alla categoria multietnico.

La commissione è stata formata dai dottori Raffaele Pomo, Raffaella Morreale Bubella, Angela Vallone, Giuseppe Sunseri e dal critico d’arte prof.ssa Rita Ruffino tutti soci AMCI della sezione di Palermo.

 

ELENCO  DEI  VINCITORI

 

Presepi classici più belli

  • don Sebastiano Carlo Vallati - Cuneo
  • Antonino Arcoraci- Messina.
  • Carlo  Marciandi -  Varese.
  • Grazia Villani - San Severo (FG).
  • Cesare Badoino - Savona

Presepi originali:

  • Franco Piccione -  Palermo
  • Pier Paolo Prestifilippo - Palermo
  • Maria Pierina  Ferrando - Moneglia

Presepe Naturalistici:

  • Salvino Leone  - Palermo
  • Marcello Latini Fabriano (An)

Presepe multietnico

  • Franco Balzaretti – Vercelli
  • Vengono pubblicati anche i presepi multietnici, ma fuori concorso, di Franco Piccione- Palermo

Presepe suggestivi

  • Campoli Achille - Frosinone
  • Giuseppe Gragnaniello - Terlizzi (BA)

 

Presepe Tradizionale

  • Nicola Gallotti
  • Carmen Vandelli - Modena
  • Massimo Libbra - Catania
  • Pietro Gianniti- Siena
  • Marina Pellerey  Cerrione (BI)
  • Antonio Scarano - Chieti
  • Antonio Casale Antonio - Nicosia
  • Pietro Pellegrini - Belluno

 

AMCI OTRANTO : “Camminare da adulti e con gli adulti nel web: pericoli, fragilità, disturbi, cure”.

 Carissimi,

“Camminare da adulti e con gli adulti nel web: pericoli, fragilità, disturbi, cure”. È il tema del Convegno Diocesano di Pastorale della Salute che vivremo venerdì 20 aprile 2018 presso la Sala SS. Medici in Maglie alle ore 19.00. Un tema attuale che ci coinvolge sia come educatori, sia come operatori e del mondo della salute e della pastorale in genere.

Purtroppo l'uso inappropriato del web è diventato una delle cause di patologia da dipendenza molto diffusa, tanto da creare all'interno di alcuni Poli scientifici e Facoltà di Medicina dei Dipartimenti dedicati. Se, nonostante la riduzione drastica della spesa sanitaria da parte dello Stato, da un punto di vista economico sanitario si investe in questa direzione, vuol dire che il trend di richieste nel prossimo futuro è destinato a crescere esponenzialmente.

Il Convegno è presieduto dal nostro Arcivescovo Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Donato Negro. Introduce Don Francesco Coluccia delegato diocesano per la Pastorale della Salute. Modera il Dott. Antonio Palumbo Presidente dell'AMCI sez. di Otranto e a guidarci nella riflessione è il Prof. Tonino Cantelmi, Psichiatra, Psicoterapeuta, Professore di Psicologia presso la Università Europea e Gregoriana di Roma, Presidente dell'Associazione Psicologi e Psichiatri Cattolici Italiani.

 

Sac. Francesco Coluccia

Delegato Diocesano per la Pastorale della Salute

Una nuova sezione Amci è nata ad Alba-Bra

Sotto l’auspicio e l’interessamento del vescovo di Alba, mons. Marco Brunetti, venerdì 10 novembre, presso il seminario di Alba, si è costituita la sezione Amci (Associazione medici cattolici italiani) del comprensorio Alba-Bra, rivolta a medici, studenti di medicina dell’ultimo biennio, diplomati dei corsi universitari per le professioni sanitarie nell’ambito della Facoltà di medicina e laureati in discipline affini.  “L’incontro – si legge in una nota – è stato presieduto da Fabrizio Fracchia, presidente regionale Amci, alla presenza di don Domenico Bertorello, incaricato regionale della Pastorale della salute, e con la partecipazione di 15 medici ospedalieri e territoriali che hanno aderito all’associazione”. Presidente della sezione è stato eletto Piero Prandi, medico psichiatra di Alba, già responsabile del Servizio psichiatrico dell’Ospedale di Alba e attualmente direttore sanitario della Clinica Sant’Anna di Casale Monferrato. Paolo Allemandi, medico di base di Bra, è stato eletto vicepresidente, mentre la carica di segretario sarà ricoperta da Giovanni Damiano, già medico otorinolaringoiatra presso l’Ospedale di Alba. Assistente ecclesiastico è stato nominato don Domenico Bertorello.